Pillole di diritto d'autore per sfatare i principali equivoci e le leggende metropolitane

  • Pillola 1) Il diritto d'autore (anche detto copyright) è lo strumento giuridico per le opere dell'ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione. (vedi art. 1 legge 633/41). Per il marchio e per le invenzioni esistono altri tipi di tutele sostanzialmente diverse.
  • Pillola 2) il diritto d'autore su un'opera non si acquisisce per mezzo della registrazione dell'opera presso qualche fantomatico ufficio ma si acquisisce "automaticamente" con la creazione dell'opera (vedi art. 6 legge 633/41);
  • Pillola 3) l'iscrizione alla SIAE o ad altra società di gestione collettiva da parte dell'autore non serve per acquisire i diritti d'autore sull'opera ma per delegare a questi enti la gestione di questi diritti (che sono già stati acquisiti per effetto dell'automatismo di cui al punto X);
  • Pillola 4) L'autore dell'opera (che appunto ha acquisito i diritti in maniera automatica) dovrebbe premurarsi di ottenere una data certa sull'opera prima di diffonderla così da mettersi al riparo da eventuali contraffazioni da parte di soggetti in malafede; ma questa è solo una precauzione, non una formalità da cui dipende l'acquisizione dei diritti;
  • Pillola 5) Le licenze d'uso non sono strumenti di tutela bensì strumenti di distribuzione; esse servono all'autore (o ad altro detentore dei diritti sull'opera) per definire i termini d'uso dell'opera e non per acquisire diritti (i quali appunto sono stati già acquisiti prima);
  • Pillola 6) Nel mondo digitale e in Internet, benchè tutto risulti più evanescente e dematerializzato, valgono le stesse identiche regole di diritto d'autore che vigono per le produzioni "tradizionali".
  • Pillola 7) I cosiddetti "bollini SIAE" non c'entrano nulla con la tutela dell'opera ma solo con l'autenticità dei supporti su cui le opere sono inicise/memorizzate; l'apposizione dei bollini su supporti contenenti opere dell'ingegno è obbligatoria per legge al di là del regime di diritto d'autore di tali opere;
  • Pillola 8) Focalizzarsi sulla contrapposizione SIAE vs Creative Commons non ha alcun senso per il semplice motivo che si tratta di entità diverse che svolgono attività e funzioni diverse;